Palchi che bruciano. Grillo come Karl Kraus

Alessandro Lanni: “Fin dalle performance, tra comizio e show, le somiglianze tra gli stili del viennese e del genovese saltano agli occhi”

KarlKraus (1)

Grillo come Karl Kraus, folle urlanti, una massa infuocata, un uomo solo che spara contro giornalisti e politici, le molte affinità tra il grande polemista e l’ex-comico nell’articolo uscito su Pagina99 che costituisce una parte, modificata, della voce “Hard” compresa nel volume “Alfabeto Grillo”.

In un saggio scritto negli anni Sessanta, Elias Canetti scava nella memoria e racconta un episodio della sua giovinezza a Vienna. Poco più che adolescente l’autore di Massa e potere è un grande ammiratore di Karl Kraus, il famoso polemista di inizio secolo.
Una sera con alcuni amici si reca per la prima volta ad assistere a una delle letture pubbliche dell’autore di Detti e contraddetti che si svolgono, di frequente in quegli anni, in teatri affollatissimi da un pubblico entusiasta.
Il racconto di Canetti di quella serata è non solo una straordinaria testimonianza di quel che doveva essere l’impatto dell’oratoria spettacolare di Kraus, ma offre a noi anche un impressionante confronto con i comizi-show che Beppe Grillo porta in giro per l’Italia durante le campagne elettorali. È capitato nel 2011, è accaduto di nuovo e con maggiore potenza nel 2013 con lo Tsunami Tour.
Una somiglianza che fin dallo schema della performance, una via di mezzo tra il monologo dello show-man e l’arringa del polemista politico, aiuta a trovare le affinità tra i due.
Leggi l’articolo completo (pagina 1, pagina 2).

Tags: , ,